giovedì, gennaio 18, 2018

I miei fiori.

Siamo in inverno ma per le mie phal, niente e' cambiato.

La maggioranza delle mie piante e' in piena fioritura e mostra il suo completo colore.
Eccovi una carrellata... le foto sono state fatte con Asy.
Non capisco, come mai, molte volte i colori si mischino e sbavino..


Se avete guardato bene nelle foto postate sopra, avrete potuto notare un "dendrobium".
In questo caso particolare caso si tratta di una pianta botanica (NON ibrida come tutte le altre), e mi e' stata data da Carmen/Oma.

Ho acquistato anche un altro dendrobium ibrido, ma e' al momento spoglio (il fiore e' oramai caduto), cosi' da vedere come procedono.

Questa e' la " Schoenorchis fragrans " che avevo acquistato a MontePorzio.
Sono sicura che mi abbia fatto i fiori, ma sono talmente piccoli da essere passati inosservati.
A primavera la portero' sicuramente da Carmen, sperando me la divida e me la invasi..

Schoenorchis fragrans

Con tutta questa "fioritudine" e' anche difficile toglierle dai portavasi per bagnarle..
In effetti qui siamo controluce, ma giusto per rendervi un'idea dell'intreccio dei rami



E qui abbiamo l'Antonio (Anthuria) con un Ficus..
Sicuramente anche lui necessitera' di cure!

Non fatevi scoraggiare pensando alla difficolta' di mantenimento.
In tutti questi anni ho "sacrificato" alcuni esemplari per la scienza (cercando di capire come potessero sopravvivere).
Non ho mai fertilizzato e/o cambiato il vaso.
Inoltre sono stati acquistati quasi tutti a prezzo scontato da Ikea, al supermercato o luoghi simile.

E d'estate se si va in vacanza?
Basta metterle in un grosso sottovaso, con argilla e acqua.

Tentar non nuoce!

PS: Vorrei prenderne di piu', ma al momento non ho lo spazio fisico.


Un po' qua ... und ein bisschen dort

mercoledì, gennaio 17, 2018

Occhi chiusi?

State ancora dormendo e vi siete svegliati nel cuore (?) della notte?
Non sapete che ora e' e non trovate gli occhiali?
Nonostante tutto, non riuscite a vedere la sveglia posta - piu' o meno - vicino a voi?

Grazie al regalo natalizio fattoci da Zia Olja e Zio Roberto, non avrete nessun problema nel sapere l'orario :)

Ecco una meravigliosa sveglia con visore illuminato e.. proiettore a soffitto/muro dell'orario!


 

Si, lo so, le foto non sono della miglior specie.
Ma vi assicuro circa la sua perfetta funzionalita'!


Un po' qua ... und ein bisschen dort

martedì, gennaio 16, 2018

Friggitrice ad aria - Philips Ayrfrier XL HD9240

Quest'anno penso di essere stata abbastanza brava.
Babbo Natale mi ha premiata con un meraviglioso regalo, pensato, deciso, meditato e, speriamo, da utilizzare alla grande.

Si tratta di una friggitrice ad aria, e quindi senza l'utilizzo di olio, della Philips.
Il modello e' HD9240, non estremamente grande ma piu' che sufficiente alle esigenze della famiglia.

Philips Ayrfrier XL HD9240
Philips Ayrfrier XL HD9240
Come scrivevo precedentemente, ho pensato molto a questo regalo.
Non che in casa nostra si frigga enormemente, anzi... ma ho visto una enormita' di esempi di cottura che, be, mi sono lasciata influenzare.

A mio parere, la friggitrice ad aria non e' altro che un piccolo forno da cucina.
Infatti, cuoce, griglia, cucina torte e, appunto, frigge con una piccolissima quantita' di olio.
Una tra le differenze che ho potuto constatare fino ad ora, e' la velocita' nella cottura, probabilmente grazie alla piccola cella e non alla vastita' del forno stesso.
Anche i tempi di cottura sono diversi, molto inferiori della meta' di quanto ci si impiegherebbe in un forno tradizionale (anche se ventilato).

Dal manuale fornito, logicamente in tutte le lingue ad eccezione dell'italiano, si legge che bisogna abbassare di circa 20gradi rispetto a quanto magari previsto dalla ricetta e con i tempi... beh, bisogna tentare e prenderci un po' la mano.

Al momento, oltre alle patatine arrosto/fritte cucinate immediatamente per il pranzo di Natale, ho preparato delle cosce di pollo arrosto, delle bistecche marinate ed ho scaldato dei bastoncini di pesce.

Inutile dire che, in tutti i miei tentativi, non ho scritto nulla..
Mi tocchera' rifarli, magari annotando tempi e gradi per la cottura.


Coscia di pollo (senza pelle) cotto nella friggitrice ad aria


Un po' qua ... und ein bisschen dort

lunedì, gennaio 15, 2018

Flixbus e Vapiano

Quest'anno il Nonno ha fatto il temerario, per venirci a trovare a Natale.
Ha deciso di essere "al passo con i tempi" e, invece di usare l'auto, il treno o l'aereo, ha preso il pullman.
Per la precisione il Flixbus.

Sono andata a prenderlo alla stazione dei pullman, circa 30minuti da casa ma, lato positivo, si trova sulla stessa linea di metro.
Come potete vedere dalla foto scattata, e data l'attesa, ho fatto una breve sosta da "Vapiano".

Vapiano - Monaco
Appena entrata nel locale, pensavo si trattasse solamente di un ristorante.
Invece e' possibile consumare anche dolci e caffetteria.

Insolita e' la modalita' di pagamento: alla cassa, subito all'entrata, viene fornita una card da consegnare ogni qualvolta si prenda una consumazione.
L'addetto carica automaticamente l'importo da pagare e, una volta alla cassa, si ha il valore totale.
Direi che, cosi' facendo, si velocizza molto l'eventuale coda e ci si sbriga notevolmente.

Con un espresso un piccolo dolcino (mascarpone, crema di castagne e pezzetti di mela) ci sta veramente bene.


Ad un orario "ragionevole" sono scesa di un piano per raggiungere la Centrale di partenza/arrivo dei pullman (ZOB), dove convive anche Flixbus.

Qui e' decisamente il caos e non ho ancora capito come i lavoratori delle diverse compagnie di autobus possano convivere pacificamente.
Oltre alle "fermate" notificate con tanto di colonnina, ho scoperto che i pullman si possono fermare anche sulla "strada" principale per lasciare i viaggiatori.
Non so se si sia trattato di un caso, sotto le festivita' i viaggiatori sono piu' frequenti, ma un cartellone con evidenziate le partenza, gli arrivi e gli eventuali ritardi sarebbe stata cosa gradita.

Esiste anche un ufficio informazione Flixbus, con una sola addetta compentente, ma, vista la calca, anche lei era piu' che oberata di lavoro.


Dal mio punto di vista si e' trattato solo di aspettare.
Nulla piu'.



Per Informazione:

Vapiano
Hackerbrücke 4 
089 54540893

Zentraler Omnibusbahnhof München (zob)Hackerbrücke 4
80335 München


Un po' qua ... und ein bisschen dort

domenica, gennaio 14, 2018

Cotechino... e Buon Anno!



Lo so, sono in estremo ritardo nel proporvi questa foto di Capodanno.

Il cotechino e' stato gentilmente importanto dal Nonno, mentre le lenticchie... beh, pensavo di averne un pacchetto o, almeno, una lattina .. dato che si trovano.. ma mi sono sbagliata.
Ho guardato all'ultimo momento e mi sono accorta della tragedia: erano rimaste solamente un pugno di lenticchie rosse.

Stephan si e' subito offerto di andare dal benzinaio vicino casa, che e' anche collegato ad uno store 24h su 24 , portando a casa 2 lattine di zuppa di lenticchie e altro ancora.
Alla fine ho provato con quelle rosse, di cottura _decisamente_ piu' veloce rispetto alle "normali".

Il mappazzone e' riuscito ma.. che Capodanno sarebbe stato senza lenticchie??

Un po' qua ... und ein bisschen dort

sabato, gennaio 13, 2018

Tortina di ricotta e miele al sapore di limone

Come solitamente avviene, dopo le festi ci si ritrova ad avere qualche kg di troppo.
La pancia e' piena, ma la coscienza ed i sensi di colpa sono immensi.

Che fare?
Dieta rigida?
Certo, ma molte volte si viene circondati da una tristezza immensa.

Quindi?
Rinvigoriti da questa nuova volonta' di entrare nei vecchi abiti, vi consiglio di (ri)iniziare la WW, programma ProPoints (almeno per me).
 
Tortina di ricotta e miele al sapore di limone
In rete ho trovato qui una meravigliosa e delicata ricettina, con solo pochi punti.

Questo tortino e' meraviglioso per una colazione, ma anche per una piccola gratificazione, un attacco di dolcezza o un piccolo dessert.

Tortina di ricotta e miele al sapore di limone
Ecco la ricetta:

dosi per due tortini (quattro porzioni)

    gr 200 di ricotta
    2 uova
    gr 25 di miele
    buccia di un limone
    un cucchiaio di zucchero di canna

Montate a neve gli albumi e mettete da parte.

Mescolate la ricotta con il miele, i tuorli e il limone grattugiato, fino ad ottenere un composto cremoso.

Incorporate delicatamente gli albumi facendo attenzione a non smontarli.

Versate il composto in due stampi del diametro di 12 cm, oppure in quattro da crostatine, foderati con carta da forno o imburrati, spolverizzate la superficie con lo zucchero di canna e cuocete in forno preriscaldato per 30 minuti a 180°.

Fate raffreddare i tortini prima di servire.


NOTE:
- ho inserito 20gr di miele
- invece di 1 cucchiaio, ho messo un pizzico di zucchero di canna ogni cocottina
- ho preferito imburrare LEGGERMENTE i contenitori di ceramica, invece che usare quelli da muffins e/o carta da cucina
- attenzione che durante la cottura crescono!
- purtroppo poi si rischiacciano...



Facciamo un po' di calcoli:
    gr 200 di ricotta  = 6.5 PP
    2 uova                  = 4 PP
    gr 20 di miele       = 2 PP
    buccia di un limone   = 0
    un pizzico di zucchero di canna  = 1 PP

 Totale: 13 PP - quindi 3.5 PP a porzione

Ottimo, non trovate?


Un po' qua ... und ein bisschen dort

venerdì, gennaio 12, 2018

Biscotti dell'Avvento 2017

Durante il periodo dell'Avvento/periodo di Natale 2017, non ho sfornato una moltitudine _diversa_ di biscotti.
Mi sono limitata a solo pochi esemplari, ma in "grosse" proporzioni, ed alcuni sono stati infornati anche in 2 diverse volte.

In rete si trovano tantissime ricette, mi sono affidata alle seguenti:

Biscotti al Cocco.
Mai mi sarei immaginata che Tobias li richiedesse e che, soprattutto, li mangiasse!

Per questi ho usato  la seguente (dove riporto ingredienti e preparazione)
Ingredienti (ca. 40 biscotti al cocco)
200 g. farina di cocco (cocco raspato)
180 g. zucchero
3 albumi
1 pizzico di sale

Montate a neve gli album con il pizzico di sale. Aggiungete un po’ alla volta lo zucchero e amalgamate con cura. Aggiungete la farina di cocco e impastate lentamente fino al completo incorporamento.
Accendete il forno a 150° (ventilato).
Con l’aiuto di un cucchiaio e di un cucchiaino, formate delle piccole noci che andrete ad appoggiare direttamente sulla carta da forno della teglia.
Infornate per circa 25 min. Se usate il forno statico dovrete aumentare la temperatura a 170°, sempre per 25 minuti. Controllate il colore dei vostri biscotti al cocco: devono essere solo leggermente dorati.

Biscottini al cocco
Biscottini al cocco
Ebbene si, uno tira l'altro...
Biscotti al cocco


Vanillekipferln (cornetti alla vaniglia)
Siccome per i Biscotti al Cocco viene utilizzato esclusivamente il bianco, bisognava trovare una valida ricetta alternativa per utilizzare il rosso.
Ecco, quindi, i "cornetti alla vaniglia" o, come si dice da queste parti, i VanillaKipferln.

Devo ammettere che ho tentato due ricette differenti ma devo prediligere la prima.
Anche per questa ricetta, ho trovato davvero ottima questa qui.

Ingredienti (circa 30 pezzi)
150 g. farina
110 g. burro
60 g. farina di mandorle o mandorle grattugiate
60 g. zucchero
2 tuorli
1 bustina di vanillina
1 pizzico di sale
1 bustina di vanillina e 2 cucchiai di zucchero per cospargere i biscotti

In una ciotola capiente mettete la farina setacciata a fontana. Poi aggiungete le mandorle, la farina, lo zucchero, il burro a pezzetti, i tuorli, la vanillina e il sale e impastate fino a ottenere una palla compatta.
Avvolgete l’impasto con della pellicola trasparente e ponetelo in frigorifero per 1 ora.
Successivamente, prendete l’impasto e modellate delle palline e ricavatene dei ferri di cavallo dello spessore di un dito e lunghi circa 3 cm.
Disponeteli su una placca da forno rivestita con l’apposita carta. Mettete il tutto in forno preriscaldato a 170° per ca. 12 minuti. Non devono dorarsi troppo !!
Appena usciti dal forno (aspettate 5 minuti), prendere ogni biscotto, ancora quasi caldo, e premetelo delicatamente nello zucchero e vaniglia in modo che aderisca alla superficie del biscotto. Sistemare poi su una griglia e lasciate raffreddare.

Vanillekipferln - cornetti alla vaniglia
Vanillekipferln - cornetti alla vaniglia
Vanillekipferln - cornetti alla vaniglia
Sono delicati ma compatti.
Nonostante questo si sciolgono in bocca come un gelato, rilasciando il loro aroma di mandorle.
Una delizia!


Sparabiscotti
Non contenta della produzione, mi sono lanciata con la frolla montata, per poi usare la sparabiscotti.
In entrambi gli impasti - di ricette diverse - l'impasto non e' risultato, almeno per me, ottimale per utilizzare questo attrezzo (sicuramente la colpa e' anche della sottoscritta, data la scarsa manualita' ed utilizzo della sparabiscotti).

La frolla montata bianca utilizzata e' la stessa di qualche anno fa:

180gr di burro
120gr zucchero
1 bustina di zucchero vaniglinato
qualche goccia di aroma di limone
1 uovo
350gr di farina setacciata
1 bustina di lievito
8-9  cucchiai di latte per ammorbidire il tutto
Mischiare tutti gli ingredienti (nell'ordine), inserirli nella cartuccera e sparare!
Cuocere in forno statico a 180gradi per circa 15minuti

Frolla Monatata - Sparabiscotti


Per la frolla al cioccolato (70 biscotti)
farina, 400 g
zucchero, 220
burro, 280 g
uova, 2
cacao, 20 g
vaniglia, q.b.

Tirate il burro fuori dal frigo e fatelo ammorbidire a temperatura ambiente. Oppure passatelo al microonde per 40 secondi a 350 W.
Con le fruste montate il burro con lo zucchero per una decina di minuti. Incorporate quindi le uova e la vaniglia.
Setacciate la farina col cacao e aggiungeteli all’impasto poco alla volta sempre lavorando con le fruste (o in planetaria se ne avete una). Dovrete ottenere un impasto morbido che utilizzerete subito.
Infornate a 160 °C per circa 12 minuti, sfornate e fate raffreddare completamente prima di staccarli dalla teglia

Frolla al cioccolato - sparabiscotti
Frolla al cioccolato - sparabiscotti

Inutile dire che le quantita' sono molto "personali".
Almeno per i biscotti fatti a mano, queste dipendono dalle dimensioni che si vogliono dare.
Nel mio caso ho preferito fare piccoli bocconcini invece di un un boccone gigante.

Per la festa a scuola, ho poi provato anche questi:


ma, assolutamente, non c'e' paragone con quelli fatti in casa.
Ora capisco i costi stratosferici al kg se si vanno ad acquistare!

PS: Per la cronaca ho fatto anche una teglia di NussEcke (ricetta di Oma) ma non ho fatto a tempo a fotografare nulla..
Sara' per l'anno prossimo.


Un po' qua ... und ein bisschen dort