sabato, ottobre 14, 2006

Amburgo... da mangiare (parte prima)


Per lavoro sono andata qualche giorno ad Amburgo e, gia' che c'ero, ne ho approfittato per passarci anche il fine settimana.

Sul lato mangereccio c'e' effettivamente di tutto e a tutte le ore, tanto che alcuni posti sono aperti per 24ore ininterrottamente, senza sosta e con prezzi piu' che abbordabili.
Essendo una citta' multietnica, multiculturale, multitutto non e' assolutamente difficile trovare un ristorante spagnolo a fianco di uno portoghese.
O nelle stazioni della metropolitana un sushi bar giusto di fronte a un baracchino che vende wurstel.

La zona di Altona, dove avevo l'albergo, e' piena di questi posti, uno a fianco dell'altro.

La prima sera siamo andati in un ristorante greco (1) ma, a mio gusto, non aveva niente di speciale.
Ad ogni modo, mi sono lasciata corrompere facilmente dal formaggio cotto al forno (SLURP) servito come antipasto, e da una grigliatona di pesce a carne, accompagnati da vino rosso sfuso.
Sara' stata forse la confusione che abbiamo creato, ma abbiamo pagato circa 20euro a testa (tenendo conto che eravamo in 18, non e' affatto male).


Un'altra sera abbiamo optato per qualche cosa di piu' "esotico", scegliendo un indiano, lo Shikara (2).
Sicuramente l'andarci con una persona nativa (come mi e' successo diverse altre volte precedentemente) e' senza ombra di dubbio tutta un'altra storia.

Non e' semplice riuscire ad incontrare il proprio gusto in mezzo alla moltitudine di spezie, il poco o tanto uso di queste polveri puo' "distruggere" totalmente il palato, provocando lo stato del "non sentire piu' nessun gusto".

Ed infatti e' quanto mi e' successo.

Il cameriere ci ha servito delle "piadine" di pane (non il naan) con delle salsine di accompagnamento.
Dopo il primo giro di assaggio, ho deciso di fermarmi a quella di cocco: almeno riuscivo a placare il sapore intenso e persistente del boccone.
Sono poi venuta a scoprire che si trattava _proprio_ di questa piada micidiale. Peccato, il danno era gia' stato fatto.


Abbiamo mixato le portate di pollo tandoori con quelle di carne/verdure.
Tutto il locale giocava molto sul rosso, su colori dorati, con candele e cuscini sparsi: molto l'atmosfera creata, soprattutto rilassante.

Ottimo il lassi, lontano anni luce dalla prova che avevo fatto a casa tempo fa: dovro' ripetere il tentativo.
A fine pasto sono stati serviti semini vari con finocchio e mentine, tanto per pulire e rinfrescare la bocca (o quello che ne restava, almeno per la sottoscritta).

Taverna Sotiris (1)
Barnerstraße 42
22765 Hamburg

Shikara (2)
Bahrenfelderstraße 241
22765 Hamburg



Un po' qua ... und ein bischen dort

Nessun commento: