sabato, giugno 08, 2013

"Wall-e"

Questo proprio mi mancava.
Non lo avevo mai visto e non ne avevo mai sentito parlare prima, trovandolo in un giro di ricognizione in biblioteca.

Nel mio caso non sono state necessarie grandi conoscenze della lingua tedesca (avevo la scelta tra tedesco, inglese e turco), in quanto e' prevalentemente musicale (di sottofondo) ed i dialoghi sono veramente limitati.

Ma la storia e' veramente bella.
Una storia di amicizia (tra robot) in comparazione con gli uomini che non comunicano piu' neppure tra di loro, anche seduti uno a fianco all'altro, se non tramite schermo.
Una storia di sporcizia e di quanto il nostro pianeta puo' (o potra') diventare se tutti noi non ci diamo una regolata con i rifiuti.
Una storia con una bella musica e con dei teneri personaggi.
Insomma, una storia straordinaria.

Qui alcune immagini (ringraziando la rete):






 E se a questo punto siete lievemente interessati..
Il protagonista del film è il robot WALL•E, unico abitante di un pianeta, la Terra, che a causa dell'eccessivo inquinamento e del continuo accumularsi di rifiuti costringe l'intera umanità ad abbandonarla. Il compito di WALL•E è proprio quello di ripulire il pianeta, compito a cui adempie diligentemente per più di settecento anni. Stranamente, WALL•E, riesce a "provare" emozioni e mentre pulisce, raccoglie e sperimenta, come spinto da una umana ed innata "evoluzione", gli svariati oggetti che trova in giro. Un giorno scende dal cielo un robot femmina ad alta tecnologia di nome EVE (o E.V.E.) che lo farà innamorare, e in nome di questo amore vivranno un'avventura che cambierà il loro destino e quello dell'umanità.


Un po' qua ... und ein bisschen dort

Nessun commento: